fbpx

Organizzare uno shooting low budget

Una delle domande che ci si pone frequentemente prima di intraprendere un progetto di stock video è quanto debba essere alto l’investimento economico necessario.

La buona notizia è che organizzare uno shooting low budget è possibile: l’importante è avere ben chiara la distinzione tra shooting low budget e shooting high budget. I due progetti avranno infatti obiettivi diversi e dovranno essere organizzati in modi diversi. L’uno però non esclude l’altro e, anzi, poter offrire una varietà di video di livello differente potrebbe essere interessante anche per il potenziale cliente.

Per chi ha un budget limitato è necessario conoscere tutti i trucchi per ottenere ottimi risultati senza spendere troppo, oltre ad avere ben chiaro come funzioni il mercato in questi casi.

Partiamo dalla strumentazione tecnica: macchine fotografiche e telecamere (quali siano le loro differenze e quando scegliere una piuttosto che l’altra), di accessori, che sul set diventano molto importanti per poter girare una clip di qualità superiore, ed infine di liberatorie e autorizzazioni, che bisogna conoscere e far firmare anche agli attori non professionisti.

La prima considerazione ad oggi, almeno per lo stock, è che non ci sono sostanziali differenze tra usare una macchina fotografica e una telecamera, anche perché non stiamo girando un film, ma scene di pochi minuti o addirittura di pochi secondi.

In questi casi la praticità è uno degli elementi più importanti nella scelta, visto che i tempi e gli spazi in cui ci muove e si gira sono spesso ridotti.

Anche per quanto riguarda le luci e gli accessori per il set, le soluzioni per ridurre le spese sono numerose: non sempre è necessario comprare pannelli riflettenti costosi, spesso basta sfruttare quello che si ha in casa imparando a indirizzare la luce al meglio: la classica carta forno, per esempio, può essere un ottimo alleato.

Shooting low budget: trucchi per spendere meno

Se l’esigenza è quella di uno shooting low budget, una volta che si è ben compreso quali siano le differenze da un progetto che invece richiede un investimento più importante, è il momento di capire come realizzare praticamente il proprio set risparmiando al massimo.

Sfruttare ciò che si ha a disposizione

Se il set deve rappresentare la vita vera, spesso tutto ciò di cui si ha bisogno è già presente nel proprio territorio: dall’ambiente alle città, dalle persone agli animali, etc. Sappiamo, per esempio, quanto attirino i video sugli animali, l’importante è imparare a creare al meglio delle scene originali in grado di emergere tra i vari stock video presenti e sbaragliare la concorrenza.

Approfittare dei momenti più propizi

Avere sempre la macchina fotografica pronta è uno dei consigli migliori che si possa dare a chi si appresta a creare shooting low cost. In vacanza, per esempio, o in viaggio ci si può trovare nell’ambientazione ideale per creare una clip: mare, montagna, lago, città d’arte sono i luoghi ideali per creare video che nella quotidianità non si potrebbero fare, se non spostandosi e investendo molti soldi.

Accordarsi con aziende per scambi alla pari

A volte avere le autorizzazioni per filmati commerciali può essere impegnativo e dispendioso. Eppure, questo tipo di clip può avere un suo mercato e risultare facilmente vendibile negli stock.

Quando si è in contatto con aziende o piccole attività commerciali, si può proporre uno scambio alla pari. Le aziende infatti sono alla ricerca continua di contenuti low cost per i loro canali social e potrebbero gradire uno scambio in cui viene offerto materiale video in cambio dell’autorizzazione di utilizzare le riprese per gli stock video. Un vantaggio per entrambi, soprattutto quanto si tratta di settori commerciali particolari, come quello del food o della sartoria, che nel nostro paese rappresentano un’eccellenza.

Sfruttare al meglio location e attori

Quando si lavora a uno shooting low cost è importantissimo riuscire a realizzare il maggior numero di riprese possibile, in modo da ottimizzare al meglio il tempo e sfruttare appieno la location e la presenza di eventuali attori.

Bisognerà essere pronti a risolvere immediatamente tutti i problemi che si possono presentare sul set: dalla luminosità dell’ambiente alla presenza di loghi (che non possono essere inquadrati), fino alla difficoltà di gestire gli attori, soprattutto se non sono professionisti.

Non vanno poi dimenticate le liberatorie, da portarsi dietro e da far firmare a chiunque compaia nel video.

Come diventare esperto di shooting low cost

Diventare un vero esperto di shooting low cost in breve tempo è possibile. È sufficiente capire le dinamiche di questo modo di fare riprese e imparare a risparmiare senza diminuire la qualità del proprio prodotto.

Vuoi conoscere le differenze tra uno shooting low cost e uno shooting high cost?

Vuoi sapere come sfruttare al meglio le luci e come usare oggetti casalinghi per migliorare la resa luminosa e cromatica degli ambienti?

Vuoi imparare ad utilizzare le corrette e più adatte impostazioni della fotocamera ed i trucchi su come fare la post-produzione?

Il nostro corso si occupa di tutti questi aspetti affinché la realizzazione di video con uno shooting low cost sia una piacevole e divertente esperienza, oltre che un ottimo modo per vendere i propri video sugli stock.

Project by HQality s.r.l
All Rights Reserved - P.IVA 10022970965